CHI SIAMO

CHI SIAMO

DUCCIO ARPADOMINIPROJECT

 

L'Arpa Rovesciata come nuovo strumento musicale per l'arrangiamento e la composizione di brani.

Il progetto di scuola per la costruzione del nuovo strumento musicale, per l'apprendimento della tecnica allo strumento e per la gestione del repertorio musicale.

Per il progetto di scuola è attivo anche il profilo crowdfunding al seguente link, con descrizione in Inglese.

  Duccio_studio_flag_pro_english_language_post_brexit      CROWDFUNDING FOR ARPADOMINIPROJECT  

 

IL NUOVO STRUMENTO MUSICALE - ARPA ROVESCIATA

 

La “Arpa Rovesciata” costituisce una innovativa evoluzione dell'arpa tradizionale, per tale intendendosi l'arpa così come è stata sino ad oggi concepita, nelle sue svariate applicazioni.

L'esecutore si trova in posizione totalmente difforme da quella usuale, poiché non posiziona l'arpa con le corde per i suoni acuti vicino alla spalla, bensì posiziona l'arpa avendo più vicino a sé le corde per i suoni gravi.

In sostanza invece di posizionarsi allo strumento dietro la cassa acustica, si prende posizione dalla parte della colonna e lo strumento viene suonato da questo lato.

Ulteriore innovazione è costituita dalla diversa accordatura dello strumento.

Lo strumento, con accordatura particolare, e la tecnica di esecuzione, sono tutelate da brevetto italiano ed è in fase di creazione il “Metodo per Arpa Rovesciata”.

 

Le modifiche apportate, in termini di accordatura e tecnica di esecuzione, conferiscono allo strumento - strutturalmente ancora riconducibile al vecchio concetto di arpa - particolari innovative doti espressive, tali da renderlo potenzialmente in grado di costituire un nuovo punto di riferimento nella creazione di musica moderna, impensabile secondo lo stereotipo, noto sino ad ora e che, ad avviso dell’inventore, ha relegato l'arpa in posizioni applicative marginali, nel campo musicale.

 

Con lo strumento è possibile, in particolare, generare:

COVERS (arrangiamenti di brani altrui, 19 brani attualmente disponibili);

UNDERCOVERS (melodia seguendo con l'arpa brani altrui in sottofondo, 6 brani attualmente disponibili);

CLASSIC (arrangiamenti di brani classici, 3 brani attualmente disponibili);

SONGS (composizione di propri brani musicali, 18 brani attualmente disponibili).

 

IL PROGETTO EDUCATIVO

 

Il progetto nasce come evoluzione di una esperienza personale - descritta in un libro parte integrante del materiale didattico - che ha portato l'inventore, avvocato con la passione per la musica, alla costruzione di uno strumento musicale sostanzialmente innovativo, per via della diversa accordatura utilizzata, ed alla ideazione di una tecnica di esecuzione allo strumento totalmente difforme da quella sino ad oggi utilizzata per strumenti simili.

Lo strumento e la tecnica di esecuzione, come già anticipato, sono tutelate da brevetto, sicchè chiunque fosse interessato ad utilizzare la ”Arpa Rovesciata” in pubblico, dovrà procedere conformemente ad un contratto di licenza con il titolare del diritto.

 

Nella sua forma educativa principale l'esperienza maturata dall'inventore potrebbe venir trasferita totalmente al cantante o musicista, nel corso di uno stage durante il quale il musicista verrebbe guidato - passo dopo passo - nella costruzione del proprio strumento, partecipando a lezioni, collettive ed individuali, per impossessarsi totalmente della tecnica di esecuzione allo strumento.

In alternativa lo strumento musicale potrebbe venir costruito da artigiani, come da prototipo esistente, fornendo al musicista direttamente lo strumento, già pronto all’uso, oltre alle lezioni.

 

La Scuola di Arpa diventerebbe punto di riferimento per i nuovi musicisti e gestirebbe, in prevalenza tramite il proprio sito WEB, tutti gli eventi promozionali riferibili al nuovo strumento musicale.

La Web School che verrà creata (anche avvalendosi di piattaforme Web eventualmente gestite da società esterne), consentirà la gestione collettiva del patrimonio dai brani arrangiati ed eseguibili con il nuovo strumento musicale e dei brani che potranno venire composti con lo strumento.

La Scuola, probabilmente costituita nella forma giuridica di società cooperativa, gestirà il repertorio anche in termini di diritti d'autore, nell'interesse dei singoli membri della Scuola.

 

Il musicista, acquisite le nozioni basilari di tecnica allo strumento, in seguito, potrebbe da solo, cominciare a dedicarsi liberamente all'affinamento della tecnica, potendo altresì accedere alla Sezione Riservata del sito, contenente lezioni di approfondimento di argomenti particolari, nonché gli arrangiamenti resi disponibili per la comunità dagli altri musicisti.

Vi sarà sempre un costante contatto diretto con l'inventore, disponibile per ulteriori lezioni ed approfondimenti e disponibile a fornire gli arrangiamenti eventualmente ad esso richiesti.

 

Per la dimostrazione dell’utilizzabilità dello strumento e per la promozione del lavoro dei singoli musicisti impegnati nel progetto, la scuola, nella fase iniziale - dopo un accurato casting per identificare i potenziali migliori musicisti da dedicare allo studio del nuovo strumento - procederà alla creazione di una compilation su DVD, contenente 2-3 brani suonati da ciascun musicista della Scuola, magari selezionato in base alle sua capacità e dedizione, anche tramite Tornei o Selezioni a premio interne alla scuola.

 

L’idea di fondo è sostanzialmente quella di trovare finanziatori e collaboratori per creare un team internazionale sperimentale di nuovi arpisti, i quali - su licenza esclusiva - produrranno arrangiamenti e canzoni da suonare con il nuovo strumento, calandone l’utilizzo nelle singole realtà musicali nazionali.

Per giungere a questo risultato una particolare immediata maggior diffusione potrebbe essere prevista sul territorio italiano, sempre per nuovi cantanti-licenziatari, autorizzati a livello regionale all'utilizzo della nuova arpa conformemente al brevetto ed al know-how.

In seguito sarà possibile prevedere la produzione dello strumento e l'organizzazione di lezioni, su scala più ampia, conformemente alla richiesta del mercato.

 

Brescia, marzo 2017.

Duccio